Associazione Amici della Val di Chio - LOGO Associazione Amici della Val di Chio - HOMEPAGE Associazione Amici della Val di Chio - MAPPA DEL SITO Associazione Amici della Val di Chio - CREDITS Associazione Amici della Val di Chio - SCRIVICI
 

L'Associazione
- chi siamo
- statuto
- soci
- come associarsi
 
Comunica con noi
- eventi e comunicazioni
- diteci la vostra
 
Ospitalità
- dove dormire
- dove mangiare
- prodotti tipici
 
Le attività
- l'olio della val di chio
- i ciliegi della val di chio
- pubblicazioni
- itinerari
 
Contatti
- dove siamo
- recapiti
 

 

PUBBLICAZIONI:
C'era una volta in Val di Chio: Storie, testimonianze e curiosità

Circolo di studio sulla Valle di Chio

"C'era una volta in Val di Chio..."
Storie, testimonianze e curiosità

A cura di Paolo Serafini

C'era una volta in Val di Chio...Le pagine contenute in questa raccolta rappresentano un autentico tesoro per la popolazione di Castiglion Fiorentino ed in particolare per gli abitanti della Valle di Chio. Chi visita la "Valle" per eccellenza del vasto territorio castiglionese tocca con mano l'accoglienza ed il calore di una comunità unita e distinta dai valori più autentici della gente di campagna.
Sopravvivono in questo lembo di terra toscana un'attenzione forte alla salvaguardia del paesaggio ed alla tutela ambientale; un saldo attaccamento alle tradizioni ed alla vita di comunità; rapporti umani autentici e grande considerazione degli anziani; uno spirito genuino di continuità con il passato nelle sue varie componenti: il lavoro, il tempo libero, il rapporto con la natura e l'ambiente circostante, la peculiare originalità di usanze, detti e linguaggi.
Non ultima la presenza di presìdi scolastici dove si insegna nelle stesse aule di 50 anni fa: oggi come ieri grazie all'impegno ed alla dedizioni di insegnanti genuinamente appassionati a "crescere" i loro studenti tra disegni, matite e calcoli, sempre in attesa della ricreazione "all'aria aperta". Con gli olivi, le piante, il fiumiciattolo a poca distanza. Con le stesse case e lo stesso paesaggio circostante visto da genitori e nonni. Come una volta. Insomma: una valle autentica. Come autentico è il significato del ritratto fedele di un territorio e della sua gente contenuto in questa raccolta di memorie, aneddoti, storie di vita vissuta. Per apprezzarla fino in fondo bisogna tenere a mente la storia recente di Castiglion Fiorentino, in particolare il periodo del dopoguerra.
Durante gli anni cinquanta Castiglioni subì un consistente esodo migratorio verso aree di nascente sviluppo economico, passando da 15.000 a 9.000 abitanti nel breve volgere di alcuni anni. L'addio di tante famiglie si concentrò soprattutto nella campagna più arida del territorio (frazioni di Manciano, Castroncello e limitrofe) dove l'agricoltura rendeva poco o nulla e dove le possibilità di sussistenza erano minime: "non s'aveva nemmeno da mangiare" ebbe a ricordare alcuni anni or sono, nell'occasione di una visita alla nostra città, il compianto Luigi Benigni, padre dell'attore Roberto, che con moglie e figli abbandonò Manciano nel 1958 per trovare lavoro nella zona di Prato.
La Valle di Chio invece, zona fertile e collinare, dove l'agricoltura e le attività produttive collegate permettevano un tenore di vita sufficiente, non vide la partenza di tanti suoi figli come nelle altre frazioni del paese. Questo ha permesso una continuità di quel modello di vita che ha mantenuto la "Valle" perfettamente rappresentativa dell'identità rurale del territorio di Castiglion Fiorentino. Alcuni mesi fa ci incontrammo con i membri promotori del circolo di studio sulla base di una considerazione assai semplice: oggi ancora sopravvive in "Valle" una generazione della memoria che nei prossimi anni potrebbe poco a poco venire meno per ovvie ragioni naturali. Per questo abbiamo deciso di fare tesoro dell'esperienza di vita di tanta gente, di ascoltarla e raccoglierla.
Di metterla a disposizione dei ragazzi della scuola, delle famiglie e delle generazioni future. Il mio desiderio di vedere scritte queste pagine nasceva anche nel ricordo affettuoso di mia madre Brina Bernardini, figlia di questa terra e testimone semplice ma profonda dei suoi valori, della cui famiglia parla la cugina Wanda all'interno del libro. Non c'è bisogno ora di anticipare il contenuto delle prossime pagine ma solo di approssimarsi alla lettura sospinti da una giustificata curiosità. Un grazie ad Antonio Bernardini ed a tutti gli altri membri del circolo di studio che hanno raccolto una sfida e portato a compimento un bellissimo risultato. Un grazie particolare al Maestro Paolo Serafini che ha messo a disposizione passione, capacità e tanto del suo tempo libero per rendere completa ed esauriente questa raccolta.
Siamo certi che dalla sua "postazione" di insegnante della scuola elementare di Santa Cristina in Valle di Chio saprà negli anni a venire trasmettere ai ragazzi tutta la ricchezza di queste pagine per renderli consapevoli ed orgogliosi delle loro radici.

Alessandro Bennati
Assessore alla Cultura del Comune di Castiglion Fiorentino

"C'era una volta in Val di Chio"

A cura di Paolo Serafini
220 pagine
Formato: 17x24

Prezzo: € 12,00
acquisto on-line

 

 

ASSOCIAZIONE AMICI DELLA VAL DI CHIO , località Pieve di Chio 78, Castiglion Fiorentino (Arezzo) TOSCANA, ITALIA
Tel. +39 0575 650261 - Fax +39 0575 650900 - Cell. 349 1239473 - E-mail:
info@valledichio.com